Il Natale sta arrivando

Predico bene e razzolo male. E’ inutile scrivere un post (vedi l’ultimo) con tanti propositi, chiedere consigli, bla bla bla, e poi scomparire. Riappropriarsi di questa stanza non è facile, no! Cercherò di farcela per il nuovo anno, è una promessa. O una minaccia?

Avrei voluto fare un progettino natalizio da condividere con voi, ma non ci sono riuscita. Non disperiamo. Intanto, mentre girellavo su Pinterest dopo anni, mi sono accorta che in questi giorni parecchie persone stanno pinnando uno dei miei lavori fatti per FateLeCreative 2 anni fa, una cosa facilissima che ho pensato di riproporvi, magari li avevate persi 😉.

Ho una passione per gli alberelli. Ne ho fatti tanti nel corso degli anni e mi capita di comprarne per allargare la collezione. Questa versione è super semplice, li potrete fare in 5 minuti e usarli come chiudipacco 🎄🎄🎄.

Materiale che vi servirà:

  • tessuti a scelta
  • nastro fiocchi di neve
  • twine
  • bottoncini
  • lettere di legno
  • macchina da cucire
  • forbici zig-zag per stoffa
  • colla a caldo
  • imbottitura
  • mollettine
  • acetato, per una versione diversa
13-dsc_0023_risultato

Per fare questi alberelli chiudipacco occorre la macchina da cucire se volete davvero metterci i 5 minuti che vi ho promesso 😀

Non occorre saper fare granché, se riuscite ad andare dritte siamo a posto!

Vi potete aiutare tagliando un triangolo della dimensione di cui volete i vostri alberelli (il mio è isoscele!), fissarlo con uno spillo a due pezze di stoffa messe rovescio contro rovescio e, iniziando da uno dei due vertici della base, arrivare all’altro vertice della base passando per quello opposto.

(Ho dovuto ripassare geometria).

01-dsc_0002_risultato
02-dsc_0003_risultato

Prima di cucire anche la base, riempite il triangolo con l’imbottitura prescelta.

03-dsc_0004_risultato

Ora potrete ritagliare l’alberello con le forbici zig-zag a qualche millimetro dalla cucitura.

Se non le avete, non importa!

Decorate la punta, usando la colla a caldo, con i fiocchi di neve, i bottoni, il twine o quello che piace a voi.

Alberelli chiudipacco

I tronchi degli alberelli saranno le mollettine, a cui avremo incollato, se vogliamo, le iniziali delle persone che riceveranno il pacchetto.

Naturalmente potrete, invece, infilare nella molletta delle piccole tags, delle bustine o quello che vi suggerisce la fantasia per personalizzare gli alberelli.

Come vedete ne ho fatti di stoffa e di feltro, grandi…

Alberelli chiudipacco

… e più piccini.

alberelli chiudipacco

Poi mi è presa voglia di realizzarli con l’acetato decorato con stelle dorate… è perfetto!

Sembrano alberelli innevati, anche se la neve è dentro!

alberelli chiudipacco

Ho deciso di farne anche di carta. Mi piacciono molto e, davvero, ci vuole meno di un’ora per fare questa quantità!

alberelli chiudipacco
alberelli chiudipacco

Le mollettine, oltre ad essere tronchi, svolgeranno il loro compito quando verrà il momento di chiudere i pacchetti:

basterà fissarle sul nastro o filo di lana o spago che useremo.

10-dsc_0018_risultato
12-dsc_0020_risultato
alberelli chiudipacco

Una volta aperti i pacchetti, gli alberelli potranno essere attaccati all’albero vero e proprio!

Invece di usare le mollettine, potrete infilare gli alberelli in stecchi o tronchetti di legno, abbellirli a piacere e realizzare delle composizioni per decorare la casa.

Un’idea piccola piccola, che magari vi potrà servire!

Nel frattempo, da lunedì inizierò la produzione di ManùDori natalizi, pochi pezzi, e di Journal sempre in tema. Se volete seguitemi su Instagram per essere aggiornate sulle ultime. Ho anche delle novità che spero di raccontarvi presto, se andranno in porto!

A presto!

Un album ricicloso

Dopo giorni e giorni di assenza, durante i quali sono successe cose anche molto belle, condivido con voi un album vecchia maniera, sia nell’impostazione a libro che nel recupero di ciò che abbiamo a disposizione, un po’ come si faceva anni fa nello scrapbooking, senza bisogno di ricorrere a chissà quali strumenti o materiali.

Dico questo per chi si sta avvicinando a questo mondo e pensa che si possa realizzare qualcosa di bello solo avendo a disposizione tante cose. Non è vero!

Oggi vi mostro questo album che mi è stato commissionato da un’amica, messo insieme con i materiali che vedete in foto e poco altro. Quali sono?

  • il cartoncino grigio pressato che si trova dietro agli album da disegno
  • 1 collezione di carte abbinate, in questo caso avevo bisogno di colori “marini”e ho trovato questa di Modascrap che mi piaceva, ma potete tranquillamente abbinare carte che già avete
  • 2 cartoncini monocolore
  • biadesivo o colla o tutti e due
  • per la struttura dell’album ho usato direttamente i portafoto che sono stati dati alla mia amica con le foto stampate ad Oltremare. Le foto di grande formato erano già bene inserite, il cartoncino di questi portafoto con la foto del delfino mi sembravano perfetti ed era un peccato sprecarli. Questo per dire che a volte si può solo arricchire e modificare un po’ quello che già abbiamo :D.

01-DSC_000202-DSC_0003

Ovviamente, la struttura può essere fatta con fogli di album da disegno abbastanza pesanti o con fogli Bristol, senza spendere troppo. Preparate tutti i fogli che vi serviranno, in base alle foto a disposizione, della grandezza che volete, considerando sempre due pagine per foto, come se fossero questi portafoto.

Quello che dovrete fare poi sarà prendere bene la misura, sul cartoncino pressato, del fronte e del retro dell’album che andremo a comporre basandovi sui fogli interni, lasciando che la copertina sia leggermente più grande, a seconda dei vostri gusti. Io ho lasciato solo qualche millimetro.

03-DSC_000404-DSC_000505-DSC_0006

Scegliete le carte che serviranno per le copertine fronte e retro esterne, ritagliatele di un centimetro e mezzo più grandi rispetto al cartoncino pressato, incollatele con colla o biadesivo facendole rientrare in dentro (non ho fotografato i passaggi, ma è facile), piegando bene e tagliando gli angoli.

07-DSC_0010

Tagliate il dorso dal cartoncino monocolore, considerando il volume delle pagine interne per regolarvi.

08-DSC_0011

Tagliate, sempre dal cartoncino monocolore, due fogli che andranno a coprire le pieghe delle copertine esterne e il dorso, quindi a misura del cartoncino grigio.

06-DSC_0008

Incollate prima la costola alle due copertine e poi i due fogli monocolore a coprire.

09-DSC_0012

Avrete così la struttura esterna dell’album/libro.

10-DSC_001311-DSC_001512-DSC_0016

Per l’interno, ho deciso il tipo di layout che ho utilizzato per uniformare tutto l’album e che mi è servito anche per coprire le alette in cui erano inserite le foto. Ho semplicemente tagliato le strisce di carta che poi ho utilizzato in tutte le pagine mettendole sotto alle foto.

13-DSC_001714-DSC_0018

16-DSC_0254

Ho cucito tutte le pagine, ma questo perché sono io! Ahahah!

15-DSC_0256

Le ho unite, incollando il retro e il fronte di ogni fascicoletto. Prima di incollare tutto alla copertina esterna, ho messo un nastro che potesse avere funzione di chiusura e l’ho fissato con biadesivo come in foto.

17-DSC_025718-DSC_0258

Non ho incollato volutamente l’ultima pagina al retro della copertina esterna, perché ho ho attaccato alla fine il  biglietto di chi aveva regalato la giornata ad Oltremare: aveva un bel fiocco e non lo volevo schiacciare. Così ho doppiato con le carte ancora a disposizione sia l’ultima pagina dell’album che l’interno della quarta di copertina.

19-DSC_0260

31-DSC_0273

La decorazione dell’esterno richiama il tema della giornata trascorsa con i delfini e non ha parti in rilievo, per essere più comodo da riporre e in modo che non si possa rovinare troppo facilmente.

20-DSC_026121-DSC_0263

Anche le decorazioni interne sono semplici, ho lasciato anche qualche spazio perché Riccardo (questo il nome del bimbo in questione) possa avere modo di scrivere i suoi ricordi!

22-DSC_026523-DSC_026624-DSC_026725-DSC_026826-DSC_026927-DSC_027028-DSC_027129-DSC_027230-DSC_026232-DSC_0275

Un modo semplice, con riciclo o no, per ricordare una giornata in cui si è avverato un sogno! A presto!

(Su Instagram continuano le mie avventure con i ManùDori, trovate il riferimento nella colonna di destra 😉 )