Un album ricicloso

Dopo giorni e giorni di assenza, durante i quali sono successe cose anche molto belle, condivido con voi un album vecchia maniera, sia nell’impostazione a libro che nel recupero di ciò che abbiamo a disposizione, un po’ come si faceva anni fa nello scrapbooking, senza bisogno di ricorrere a chissà quali strumenti o materiali.

Dico questo per chi si sta avvicinando a questo mondo e pensa che si possa realizzare qualcosa di bello solo avendo a disposizione tante cose. Non è vero!

Oggi vi mostro questo album che mi è stato commissionato da un’amica, messo insieme con i materiali che vedete in foto e poco altro. Quali sono?

  • il cartoncino grigio pressato che si trova dietro agli album da disegno
  • 1 collezione di carte abbinate, in questo caso avevo bisogno di colori “marini”e ho trovato questa di Modascrap che mi piaceva, ma potete tranquillamente abbinare carte che già avete
  • 2 cartoncini monocolore
  • biadesivo o colla o tutti e due
  • per la struttura dell’album ho usato direttamente i portafoto che sono stati dati alla mia amica con le foto stampate ad Oltremare. Le foto di grande formato erano già bene inserite, il cartoncino di questi portafoto con la foto del delfino mi sembravano perfetti ed era un peccato sprecarli. Questo per dire che a volte si può solo arricchire e modificare un po’ quello che già abbiamo :D.

01-DSC_000202-DSC_0003

Ovviamente, la struttura può essere fatta con fogli di album da disegno abbastanza pesanti o con fogli Bristol, senza spendere troppo. Preparate tutti i fogli che vi serviranno, in base alle foto a disposizione, della grandezza che volete, considerando sempre due pagine per foto, come se fossero questi portafoto.

Quello che dovrete fare poi sarà prendere bene la misura, sul cartoncino pressato, del fronte e del retro dell’album che andremo a comporre basandovi sui fogli interni, lasciando che la copertina sia leggermente più grande, a seconda dei vostri gusti. Io ho lasciato solo qualche millimetro.

03-DSC_000404-DSC_000505-DSC_0006

Scegliete le carte che serviranno per le copertine fronte e retro esterne, ritagliatele di un centimetro e mezzo più grandi rispetto al cartoncino pressato, incollatele con colla o biadesivo facendole rientrare in dentro (non ho fotografato i passaggi, ma è facile), piegando bene e tagliando gli angoli.

07-DSC_0010

Tagliate il dorso dal cartoncino monocolore, considerando il volume delle pagine interne per regolarvi.

08-DSC_0011

Tagliate, sempre dal cartoncino monocolore, due fogli che andranno a coprire le pieghe delle copertine esterne e il dorso, quindi a misura del cartoncino grigio.

06-DSC_0008

Incollate prima la costola alle due copertine e poi i due fogli monocolore a coprire.

09-DSC_0012

Avrete così la struttura esterna dell’album/libro.

10-DSC_001311-DSC_001512-DSC_0016

Per l’interno, ho deciso il tipo di layout che ho utilizzato per uniformare tutto l’album e che mi è servito anche per coprire le alette in cui erano inserite le foto. Ho semplicemente tagliato le strisce di carta che poi ho utilizzato in tutte le pagine mettendole sotto alle foto.

13-DSC_001714-DSC_0018

16-DSC_0254

Ho cucito tutte le pagine, ma questo perché sono io! Ahahah!

15-DSC_0256

Le ho unite, incollando il retro e il fronte di ogni fascicoletto. Prima di incollare tutto alla copertina esterna, ho messo un nastro che potesse avere funzione di chiusura e l’ho fissato con biadesivo come in foto.

17-DSC_025718-DSC_0258

Non ho incollato volutamente l’ultima pagina al retro della copertina esterna, perché ho ho attaccato alla fine il  biglietto di chi aveva regalato la giornata ad Oltremare: aveva un bel fiocco e non lo volevo schiacciare. Così ho doppiato con le carte ancora a disposizione sia l’ultima pagina dell’album che l’interno della quarta di copertina.

19-DSC_0260

31-DSC_0273

La decorazione dell’esterno richiama il tema della giornata trascorsa con i delfini e non ha parti in rilievo, per essere più comodo da riporre e in modo che non si possa rovinare troppo facilmente.

20-DSC_026121-DSC_0263

Anche le decorazioni interne sono semplici, ho lasciato anche qualche spazio perché Riccardo (questo il nome del bimbo in questione) possa avere modo di scrivere i suoi ricordi!

22-DSC_026523-DSC_026624-DSC_026725-DSC_026826-DSC_026927-DSC_027028-DSC_027129-DSC_027230-DSC_026232-DSC_0275

Un modo semplice, con riciclo o no, per ricordare una giornata in cui si è avverato un sogno! A presto!

(Su Instagram continuano le mie avventure con i ManùDori, trovate il riferimento nella colonna di destra 😉 )

Annunci

Il ManùDori da viaggio

19-DSC_0020
ManùDori “World View”

Sono particolarmente soddisfatta di questo ManùDori, il primo creato appositamente da viaggio (ma uno puoi farci quello che vuole, nè!).

Non ha i quattro quaderni che metto di solito, ma solo tre, le cui copertine sono in cartoncino kraft riciclato. Questo perché ci sono ben tre “cartellette” realizzate con le shopping bags di riciclo, in modo da avere più spazio possibile per “trasportare” memorabilia!

32-DSC_0034

(Sono fiera della mie cartellette, sì sì!)

1-DSC_0036

Se volete vedere come tutto questo è entrato nel ManùDori e come ci sia ancora spazio…

18-DSC_0018
Memorabilia

… vi rimando al post sul blog di Creattive Compagnie, pieno di foto degli interni!

Qui!

02-DSC_0002
Pieno!
01-DSC_0001
Ma c’è ancora spazio!

I dettagli tecnici invece li trovate nello shop, qui!

Per il resto, combatto con una costante stanchezza… sarà il tempo? La vecchiaia? Tutte e due? E voi, come state?