Piccolo reportage: il Giardino dei Tarocchi

025-DSC_0049.jpg

Erano anni, sul serio.

Che non si andava da qualche parte sconosciuta, riuscendo ad avere gli adolescenti n.1 e n.2 in contemporanea, e che non ci si riuniva con gli amici di sempre, dove il sempre non significa la frequenza con la quale ci vediamo, ma il tempo che durerà la nostra amicizia.

Ci sono persone con le quali stai così bene che non importa se le vedi o senti poco, conta il fatto che, quando le rivedi, riprendi i discorsi lasciati in sospeso, come se fosse passato un giorno solo. Ti riabbracci e va tutto bene. Quelli che chiami amici veri.

Qualcuno non c’era, ma c’era lo stesso <3.

Dopo questo preambolo, eccoci al reportage vero e proprio! Ogni tanto ne pubblicavo, negli anni scorsi, vi ricordate? O voi che siete qui da tempo? Tante foto anche questa volta, nonostante il luogo sia relativamente piccolo! Ma era da tempo che non prendevo la macchina fotografica al di fuori della palla ovale e mi sono sfogata…

Pronti? Via!

Il luogo prescelto per il nostro incontro è stato il Giardino dei Tarocchi, nel comune di Capalbio, in Toscana. Un luogo strambo, ipercolorato, da guardare con gli occhi di chi ama sognare e perdersi un po’, oltre al fatto che si tratta comunque di un’opera d’arte vera e propria di Nouveau Realisme. Se siete mai stati a Parigi, la fontana Stravinsky vicino al centro Pompidou è stata creata dalla stessa coppia di artisti che ha dato vita al Giardino, Niky de Saint Phalle e suo marito Jean Tinguely.

Niki de Saint Phalle with her Sculpture

Ispirandosi al  Parco Güell di Gaudi di Barcellona, i due hanno letteralmente costruito in cemento armato 22 sculture monumentali, alcune delle quali sono abitabili, ispirate agli arcani maggiori dei Tarocchi,  ricoprendole poi da un mosaico di specchi, vetri e ceramiche colorate. Hanno partecipato anche numerosi altri artisti e il risultato è questo luogo davvero magico.

Oggi il Giardino è visitabile da aprile ad ottobre, con apertura pomeridiana. I bambini e i ragazzi fino a 16 anni pagano un biglietto ridotto e, sono sicura,  visto che avevamo pargoli dai 3 ai quasi 17, che apprezzeranno la visita!

Ieri era particolarmente caldo, c’era moltissima gente e abbiamo fatto quasi tre quarti d’ora di fila per entrare, ma girare in questo luogo è stato ugualmente piacevole ;). La superficie totale è intorno ai due ettari e il tempo che si impiega dipende da voi, con un paio d’ore si fa comodamente.

E’ ora di entrare e di lasciar parlare le foto!

(non vi spiego tutto, non sono stata con una guida in mano, mi sono lasciata portare e trasportare dalle sensazioni visive per la maggior parte del tempo)

005-DSC_0023

004-DSC_0022

036-DSC_0060.jpg016-DSC_0037.jpg

011-DSC_0032.jpg012-DSC_0033.jpg013-DSC_0036.jpg018-DSC_0039.jpg

014-DSC_0027019-DSC_0041

 041-DSC_0065.JPG

050-DSC_0076051-DSC_0077052-DSC_0078

2-DSC_0082.JPG

057-DSC_0086058-DSC_0087060-DSC_0089061-DSC_0090062-DSC_0091

067-DSC_0096069-DSC_0098075-DSC_0105077-DSC_0108079-DSC_0112084-DSC_0119086-DSC_0130087-DSC_0133090-DSC_0137092-DSC_0139

099-DSC_0150

117-DSC_0177118-DSC_0178129-DSC_0192133-DSC_0196

3-DSC_0123_edited

137-DSC_0202

081-DSC_0116

095-DSC_0145

Direi che può bastare, non le ho messe tutte!

Non so perché, ma questo Giardino mi ha incantato davvero… La serata si è conclusa con un pic-nic superlativo in un’area non lontano e con una passeggiata a Capalbio, che mi ha stupito (qui sotto l’adolescente n.2, che ha chiesto una foto… capite, stupore doppio!).

fra_edited

Nonostante sia stato fatto tutto in un pomeriggio e il viaggio sia stato un po’ faticoso, soprattutto al ritorno, che dire… bello bello bello!

Questa la banda al completo ❤

la banda_edited

A presto, con un post “normale” 😀

Annunci

4 pensieri riguardo “Piccolo reportage: il Giardino dei Tarocchi

  1. Che meraviglia, mi ricorda tantissimo Barcellona naturalmente! Complimenti per le foto sempre bellissime, soprattutto quella in cui fotografi riflessa nello specchio.
    tutto bellissimo, anche rivedere gli amici di sempre che non si riescono ad incontrare quanto si vorrebbe ma che ci sono e si sente.
    Ciao Francesca

  2. sono anni che desidero andarci… adoro Niki de Saint Phalle; a Nizza c’è molto, perché lei prima di morire ha fatto un’importante donazione, ma essendo anche appassionata di Tarocchi vorrei proprio vedere questo giardino. Le tue immagini sono stupende e invitanti

    1. Grazie Claudia! Ti consiglio la visita, vale la pena, magari in un giorno non caldissimo come quello in cui siamo andati noi :D! Sono rimasta veramente colpita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.