Halloween per il rotto della cuffia :)

Come già detto, non amo Halloween particolarmente, diciamo che sento più mia la “festa dei morti” in  cui non ci si traveste, ma si va a trovare i nostri cari al cimitero e poi ci esce pure di farsi un giretto alla Fiera dei Morti che a Perugia dura 5 giorni… un misto di sacro, profano, paganesimo e cristianesimo…

però…

se invece voi “festeggiate” e non avete fatto ancora fatto niente, queste cosine qui sotto sono moooolto carine, basta stamparle e far giocare i bimbi…

Da Babalisme

Qui 

e qui queste bamboline di carta che adesso mi stampo e ci gioco io…

Da Living Locurto

questo adorabile cagnolino e…

queste cupcake-topper (qui) che si possono utilizzare anche per altre cosine

(trovate anche idee per un buffet pauroso… le lady fingers mi fanno particolarmente impressione… brrrrrrrrrrrrrr)

Da Tangarang…

 

…il download di questo villaggio pauroso…

Da Forty-two roads…

… l’idea facilmente riproducibile con del semplice cartoncino nero…

Da Martha (la chiamo così molto confidenzialmente…)

… questo simpatico scheletrino fatto con un calzino bianco:

qui trovate il template che è facile da capire anche se non conoscete l’inglese..

e poi…

Questo post di Anna che ho appena visto 😉

e

Questo post di Pane, Amore e creatività 🙂 !

Questo fine settimana esce in Italia un film che ha avuto molto successo negli Stati Uniti, tratto dal libro famosissimo

Where the wild things are

 

… di Maurice Sendak , primo illustratore americano a ricevere l’Hans Christian Andersen Award nel 1970 (stesso anno in cui veniva attribuito a Gianni Rodari come miglior scrittore). Nel 2003 ha poi ricevuto il premio Astrid Lindgren Memorial for Literature, considerato “il Nobel dei bambini”.

Esce con il titolo: Nel paese delle creature selvagge

qui potete vedere il trailer in italiano, per me è molto emozionante…

qui il sito ufficiale del film…

Un blog dove vengono postati lavori di illustratori ispirati dal libro, una celebrazione…:

Terrible yellow eyes

Ho scoperto così il lavoro di Gaia Bordicchia

Insomma, sono affascinata e voglio assolutamente vedere il film e comprare il libro!

“Sin dalla più tenera infanzia i bambini convivono con emozioni dirompenti; paura ed ansia fanno intrinsecamente parte della loro vita quotidiana, devono confrontarsi meglio che possono con continue frustrazioni. Proprio attraverso la fantasia i bambini giungono alla catarsi. Essa è il migliore strumento per dominare i Mostri Selvaggi. È il mio lasciarmi coinvolgere da questa inevitabile condizione dell’Infanzia, è la terribile vulnerabilità dei bambini e la loro lotta per divenire i Signori di tutti i Mostri Selvaggi a conferire alla mia opera quella verità e quella passione che le si possono attribuire.” Maurice Sendak

ci sentiamo la prossima settimana 🙂

ciaoooooooo

manu

heart_divider

Annunci

8 thoughts on “Halloween per il rotto della cuffia :)

  1. ma che deliziose le paper dolls!!! io le ho sempre adorate e queste sono proprio simpaticissime!
    grazie per tutte le altre idee!
    ti ho aggiuta anche io “per il rotto della cuffia” sul mio post ora 😉
    io domani sera sarò a scavare zucche con i nipotini 🙂
    e spero anche di mangiare la zuppa di zucca di mia cognata 😉
    baci baci :*

  2. Belle segnalazioni, saltellerò da un link all’altro, e mi sa che mi scaricherò le bamboline…

    Potessi mi scaricherei anche il vassoio di cupcakes. Non durerebbero molto. Terrei da parte i toppers ;-D

    Però Halloween non ha niente a che vedere con i morti: è la vigilia di Ognissanti (infatti la data è il 31 Ottobre) e segnava il capodanno Celtico, data in cui si credeva che il velo tra passato e presente, vivi e spiriti si assottigliasse. Le maschere paurose e le zucche mostruose illuminate dovevano servire a spaventare e mettere i fuga gli spiriti cattivi…

    La (cristiana) commemorazione dei defunti è il 2 Novembre, due giorni dopo.

    Ciao

    Dani

  3. Ciao cara! Condivido il pensiero su halloween che non mi fa un baffo (anzi, mi dà un po’ fastidio…) ma soprattutto la passione per questo illustratore di cui ricordo ancora (anche se non vorrei sbagliarmi9 una fiaba onirica uscita sul Corrierino…
    Io sono proprio alle prese con le paure dei bimbi… chissà che anche questo film non possa darci una mano?!
    Tanti baci!
    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...